La Brexit scatena il totoseggi: l’Italia ne guadagna 3?

La Brexit, tra le tante conseguenze, produrra’ anche quella di redistribuire le forze parlamentari all’interno del Parlamento europeo. Quando la Gran Bretagna uscira’ definitivamente, i suoi seggi verranno redistribuiti. E l’Italia potrebbe ottenerne 3 seggi in piu’, passando da 73 a 76 deputati. Questo, almeno, e’ quanto prevede la bozza di un rapporto della commissione Affari costituzionali. La Brexit portera’ alla scomparsa dei 73 deputati europei che attualmente rappresentano il Regno Unito, e solo una parte dei loro seggi (22) verrebbero ridistribuiti tra gli Stati membri portando il numero complessivo di seggi all’Europarlamento dagli attuali 751 a 700. A beneficiare maggiormente della nuova ripartizione sono Francia e Spagna con 4 seggi in piu’ ciascuno. Secondo il rapporto redatto dalla polacca Danuta Maria Hubner e dal portoghese Pedro Silva Pereira, il numero complessivo di deputati europei dopo la Brexit dovrebbe scendere da 751 (750 piu’ il presidente) a 700 (699 piu’ il presidente). I due relatori propongono di utilizzare solo una parte dei 73 eurodeputati britannici per procedere a una correzione dell’attuale ripartizione dei seggi tra gli Stati membri al fine di rispettare meglio il principio della cosiddetta proporzionalita’ degressiva. “La nuova distribuzione corregge le incongruenze rispetto al principio della proporzionalita’ degressiva, senza perdite di seggi per alcuno Stato membro”, dice il documento. Gli altri seggi rimasti liberi della Brexit dovrebbero essere congelati in vista di futuri allargamenti o della creazione di una circoscrizione comune a livello europeo per eleggere deputati sulla base di liste transnazionali.
”La nuova riduzione proposta – si legge nel rapporto – permetterebbe una riduzione delle dimensioni del Parlamento a 699 membri piu’ il presidente, lasciando di conseguenza sufficiente margine di manovra per accomodare potenziali futuri allargamenti dell’Ue e membri eletti in una circoscrizione congiunta”. Secondo la tabella proposta dai due relatori per il dopo Brexit, con 96 seggi la Germania rimarrebbe il paese con piu’ deputati europei, la Francia dovrebbe passare da 74 a 78, l’Italia da 73 a 76, la Spagna da 54 a 58. A guadagnare due seggi sono Olanda (da 26 a 28) e Irlanda (da 11 a 13), mentre si vedrebbero attribuire un europarlamentare in piu’ Svezia (21), Austria (19), Danimarca (14), Finlandia (14), Slovacchia (14), Croazia (12) e Estonia (7).

Leave a comment