I nostri soci

I soci di EURECA in regola con il pagamento di quote e contributi ordinari e straordinari hanno diritto di partecipare all’attività dell’Associazione e dei suoi organi, in particolare di intervenire e votare nelle Assemblee.
Essi devono rispettare le norme del presente Statuto e dei regolamenti eventualmente approvati dai competenti organi sociali, versare con le modalità previste, le quote associative e le contribuzioni speciali stabilite dall’Assemblea, intendendosi i relativi debiti riconosciuti con l’ammissione all’Associazione.
I soci si distinguono in due categorie:
– Soci fondatori;
– Soci ordinari.
Sono soci fondatori quelli che hanno sottoscritto l’atto costitutivo dell’Associazione, ovvero sono ammessi come tali dal Consiglio Direttivo.
Sono soci ordinari tutti gli altri.
Art. 6 – La qualità di socio, sia fondatore che ordinario, si acquista con la delibera di ammissione da parte del Consiglio Direttivo in seguito a presentazione della relativa domanda in carta semplice da parte dell’interessato, che è anche tenuto a versare la propria quota di partecipazione, nella misura stabilita dall’Assemblea.
Possono essere ammessi in qualità di socio, oltre che le persone fisiche anche enti pubblici, associazioni di categoria, enti universitari, associazioni senza fini di lucro, fondazioni, persone giuridiche, enti ed organismi che hanno contribuito con elargizioni o in altro modo significativo al perseguimento degli scopi associativi.
La qualità di socio si perde per:
– morte od estinzione;
– recesso volontario che ha effetto dalla fine dell’anno in corso;
– decadenza, per sopravvenuta impossibilità di concorrere all’attuazione degli scopi sociali.
– esclusione per gravi inadempienze alle norme del presente statuto o dei regolamenti, nonché alle decisioni legittimamente assunte dagli organi sociali, per condanna penale o in altri gravi casi di indegnità.
La decadenza e l’esclusione sono deliberate dal Consiglio Direttivo con voto inappellabile.
Art. 7 – Le quote sociali di partecipazione sono determinate annualmente dall’Assemblea ordinaria, su proposta del Consiglio Direttivo.
L’assemblea può inoltre stabilire contribuzioni speciali per la copertura delle spese di carattere straordinario.
Le quote sociali ordinarie sono dovute entro cinque giorni dall’inizio di ogni anno finanziario che viene stabilito dal 1° gennaio al 31 dicembre di ciascun anno; quelle straordinarie sono invece dovute entro trenta giorni dalla delibera che ne dispone il versamento.
La cessazione del rapporto sociale per recesso, decadenza od esclusione non esime il socio dal pagamento di tutte le quote all’Associazione per l’intero anno finanziario in corso.